27.10.05

Maristella


E lei stava lì. Col gelato in mano e i capelli sciolti sopra la fronte e le spalle.
Più leggera del biossido di carbonio.

Non ricordo che faccia avesse perchè aveva una maschera da sub e un boccaglio dal quale usciva la sua lingua con la quale gustava il cono.

La conobbi davvero. Era un sogno.
Un pensiero liquido. Molto liquido.
Lei ci galleggiava dentro.
E sopra di lei. Sopra la panchina sul fondo, era acqua alta almeno 23 metri e io la fotografavo da sotto.
Le sue tette enormi nell'acqua erano più belle e tonde del solito.
Le sue gambe divaricate a rana raccoglievano i miei pensieri tra le sue cosce.

Forse così la conobbi Maristella.
Stella di nome Maria.
O Maria i cui occhi brillavano come le stelle.
O una qualunque morta di fame con un nome del cazzo.
O una gnocca coi fianchi a forma di angelo.

Maristella era un'entità sovrannaturale.
Almeno quando era a letto.
Almeno quando sorrideva.

Maristella quando viveva era uno spettacolo pirotecnico.

Maristella rideva sempre e mi teneva su il cuore.
E anche altro.
Faceva pompini al frappè e spagnole naturali al sapore di GULASH.

Maristella faceva l'amore e dentro c'aveva il sole.
Rideva e amava. Il mondo.

Maristella quando veniva mi stringeva e urlava.
Poi si alzava dal letto e porgeva a entrambe le bocche vino rosso e si fermava a guardare il parato del soffitto sul quale era disegnato un cielo verde.

Le nuvole in quella stanza si muovevano davvero.

Si aggregavano in bizzarre forme e mentre un pettirosso ci guardava dal comodino, il mio passero si accoppiava in un nido di bambagia.

Maristella è un sogno.
Maristella morì bevendo detersivo puro per pulirsi l'anima dei peccati di cui l'accusavano.
Non è vero.
Maristella bevve varecchina perchè non poteva più fare l'amore vero.
Quello senza preservativo.
Non è vero.
Maristella bevve ammoniaca per sbiancare le sue vene sporche di umanità.
Di noia.

Non è vero.
Maristella era viva.
Bevve acido muriatico per sciogliere il peso dell'AIDS bloccato sulla bocca dello stomaco .

Mi urlò di salvarla.
Sottovalutai quel grido.

Io Maristella non l'ho mai conosciuta.
Ma per un attimo l'ho amata.
Forze.

Un geraneo in fiore mormorò all'aria uno stornello...
Lascia che sia fiorito
Signore, il suo sentiero
quando a te la sua anima
e al mondo la sua pelle
dovrà riconsegnare
quando verrà al tuo cielo
là dove in pieno giorno
risplendono le stelle.

Quando attraverserà
l'ultimo vecchio ponte
ai suicidi dirà
baciandoli alla fronte
venite in Paradiso
là dove vado anch'io
perché non c'è l'inferno
nel mondo del buon Dio.

Fate che giunga a Voi
con le sue ossa stanche
seguito da migliaia
di quelle facce bianche
fate che a voi ritorni
fra i morti per oltraggio
che al cielo ed alla terra
mostrarono il coraggio.

Signori benpensanti
spero non vi dispiaccia
se in cielo, in mezzo ai Santi
Dio, fra le sue braccia
soffocherà il singhiozzo
di quelle labbra smorte
che all'odio e all'ignoranza
preferirono la morte.

Dio di misericordia
il tuo bel Paradiso
lo hai fatto soprattutto
per chi non ha sorriso
per quelli che han vissuto
con la coscienza pura
l'inferno esiste solo
per chi ne ha paura.

Meglio di lui nessuno
mai ti potrà indicare
gli errori di noi tutti
che puoi e vuoi salvare.

Ascolta la sua voce
che ormai canta nel vento
Dio di misericordia
vedrai, sarai contento.
Dio di misericordia
vedrai, sarai contento.
F. De André - Preghiera in Gennaio

17 commenti:

willie coyote ha detto...

messaggio per il filosofo leopardiano:
questa e' arte.questo e' sentimento.da ogni parola trabocca la vita.
commenta pure adesso se vuoi.....

Sjoker ha detto...

taz mi deludi... manco una malaparola.

pure il faraone in battmazz ce la dice una alla fine... giusto per...

stai scadendo!

Diavoletto_Taz ha detto...

Recupererò.

Anonimo ha detto...

Commentare non ha senso!Quì si temono i confronti.
Caro willie coyote...lo spazio è tutto tuo.
Nei tuoi commenti aggiungi dei cuoricini e anche dei bacini.
Alla fine mostrerai cosa hai ricevuto in omaggio.
Bye bye

willie coyote ha detto...

caro anonimo
io nn temo nessun confronto.mi danno fastidio fisico le persone che nn hanno le palle.
nn servono i cuoricini e i baci
in omaggio ricevo la voglia e la forza per sopravvivere in un mondo di merda.

Anonimo ha detto...

Non è a te ne in questo contesto che devo dimostrare di avere le palle(anche perchè essendo f.non potrei).Mi spiace che il tuo mondo sia fatto di merda...apri bene gli occhi,chissà, forse non è proprio come tu lo vedi questo tuo limitato mondo.

willie coyote ha detto...

allora dai spiegacelo tu questo mondo.
punto primo io nn parlavo del mio mondo di merda.il mio mondo e' fatto di lotta e forza per andare avanti.e' il mondo in generale che e' una merda, tipo hai presente quando un bambino di 10 anni si fa saltare in aria invece di pensare a giocare con i videogames? era questo il concetto.
poi ti senti attaccata e nn e' cosi'.
io nn difendo nessuno, valuto solo che ci sono ancora persone che hanno le palle per ribellarsi al formalismo e all'ipocrisia.
le palle erano comunque in senso figurativo e nn e' importante essere uomini o donn eper dimostrare di avere carattere.e quindi ti dico fammi vedere come lo vedi tu il mondo.magari sono io che nn vedo oltre il male e lo schifo.

Diavoletto_Taz ha detto...

Oh, oh...
e datevi un bacio mò ja.
Ja ja, un bacio con la lingua ja.
Io sparo i razzetti da dietro che scoppiamo a forma di cuoricino mentre voi vi abbracciate e poi, subito dopo, parte la puntata della nuova serie di "HELLO SPANK".

Vi amo!
Lovely... Taz

Anonimo ha detto...

Il mondo è sempre andato così.
Ci sta il bene e ci sta il male.
Ognuno di noi da il proprio contributo affinchè si consumi sia uno che l'altro.
Tutto dipende dai valori interiori che ognuno di noi conserva dentro e tramanda agli altri con le parole,i gesti e i fatti...
Del bimbo di cui parli(forse non era un bimbo)cmq,non c'è da meravigliarsi,fa parte di un popolo che ha un suo credo,diverso dal nostro,per cui è giusto per loro,agire in quella maniera.Ma non andiamo tanto lontano,il male,anche se in forma diversa,si consuma proprio accanto a noi.Non occorrono fatti eclatanti per suscitare la sensazione di schifo che provi tu..a volte le parole fanno molto di più.Prova a rivedere "la vita è bella"di Benigni.Forse,tra le macerie di ognuno di noi,scoprirai che c'è tanto ancora da conoscere...
Parli di lotta...sforzi...bisogna lottare per affermare se stessi per quello che si è dentro,non provando a cambiare gli altri o addirittura il mondo.Quello và per come deve andare,niente e nessuno potrà fermarlo.
Libero di condividere i pensieri del Sig.Taz...a parer mio lungi l'arte o la poesia nei suoi scritti.Solo rabbia,rabbia verso tutti.Potrei consigliare come smaltire la sua rabbia,ma me guardo bene.Come dicevo prima,non bisogna cambiare gli altri...
Vuo dire che non attingeremo dal loro pensiero.
"Beati i semplici,perchè di essi sarà la vita"(anonimo)
Ciao Coyote

Diavoletto_Taz ha detto...

E ja consigliami, ja...

willie coyote ha detto...

cara anonima,
il film di benigni l'ho visto mille volte, e proprio come lui cerco di vivere la vita giocando e scherzando e facendo si che mia figlia pensi che oltre il male esiste anche tanto bene.
pero' quando combatti contro un tumore, quando hai perso un bambino, quando hai dovuto lasciare la tua citta' divorata dalla mafia, forse ti rendi conto che bisogna aggrapparsi con le unghie e con i denti alla vita.magari leggendo un blog come questo dove capisci che oltre a te c'e' qualcuno che sfoga la propria rabbia anche con la poesia.
nessuno e niente cambiera' mai il mondo, il mondo e' fatto da uomini e gli uomini nn sono perfetti.
ognuno ha le sue debolezze, le sue paure.ed e' giusto che sia cosi'.nn ho mai cercato in nessun modo di cambiare le persone, le ho semplicemente accettate per quello che erano e rappresentavano.mi dispiace che tu ti senta attaccata da me, credimi nn attacco nessuno .difendo solo un'idea:la liberta' di pensiero e di opinione.
le scelte di vita altrui nn sono opinabili.ma se ognuno facesse la sua parte in questo mondo forse potremmo veramente cambiare qulacosa.
grazie per lo scambio di opinioni.ti rispetto e ti apprezzo.
willie coyote

Anonimo ha detto...

Caro willie...
Anch'io ho lottato contro il cancro e ne sono uscita sconfitta e sconvolta.Ho perso una persona molto cara!Purtroppo ancora oggi continuo a lottare contro questo male,ma in maniera diversa,senza nessuna illusione.Come vedi,non sei il solo.La mafia,la delinquenza,la politica inquinata e affarista sta dappertutto,anche io la subisco."Tutto il mondo è paese".Voglio confessarti che attraverso questo mondo virtuale ho ritrovato la forza di andare avanti.Ho conosciuto persone che scrivevano il loro pensare,un pensare che mi ha riportato a riconsiderare tutto.Ed oggi apprezzo ogni piccola cosa,riesco a vedere il bene anche quando non sembra esserci nessun presupposto.
Quando dicevo che le parole hanno un grosso peso è vero.Soprattutto per chi legge...
Forse tutto questo può non interessare,me ne rendo conto perfettamente.
Non sò se sono riuscita a farti capire il perchè del mio non condividere il linguaggio e alcuni temi di questo blog.
Chi si propone nel virtuale lo fà per dare voce ai propri pensieri,pensieri che non si riescono a comunicare nel reale..
Altra ipotesi,suggerire qualcosa di costruttivo.
Chi legge,invece, cerca qualcosa che nel reale non riesce a trovare.
Il problema di fondo è la solitudine!L'incomprensione!
Ne convieni?
Un caro saluto.

willie coyote ha detto...

ciao anonima
ne convengo eccome.
ma nn parlerei solo di solitudine e di incomprensione.
credo sia un po' di piu', per esempio la scontatezza nei rapporti con gli altri.
matrimoni che vanno avanti perche' ci sono i figli(o almeno questa e' la scusa piu' plausibile),fidanzamenti fiume dove nn ci si lascia perche' tanto ormai tutti si aspettano che la coppia arrivi all'altare.credo sia piu' un problema di incomunicabilita' tra esseri umani.
tutti scelgono la via piu' facile, e nessuno si ribella piu' a vivere una vita che altri hanno costruito per noi.
io nn l'ho fatto cara amica, io ho scelto di andarmene, ritrovarmi e ricominciare daccapo, costruendo ogni tassello della mia vita nonostante il tumore, nonostante la perdita di un bimbo che desideravo piu' di ogni altra cosa al mondo.
anch'io sono una donna forse questo nn te l'avevo scritto, sicuramente no perche' tu pensi che io sia un uomo.voglio dirti una cosa come se fossi una mia sorella piu' piccola:nn sentirti sconfitta dalla vita, perche' la vita ogni giorno ci regala qualcosa, che magari al momento ti puo' sembrare inutile, ma prima o poi ti torna utile.
mai abbassare la guardia, mai smettere di lottare.
abbiamo una sola vita, ci e' stata donata.nn dobbiamo sprecarla, e' un dovere morale che abbiamo verso noi stessi, altrimenti nn riusciremmo piu' a guardarci allo specchio.
credici ancora in questa vita, anche quando ti sembrera' che tutto sia senza senso.credici ancora.credici ancora.
un abbraccio.
willie coyote

Anonimo ha detto...

Buongiorno carissima
Sapevo incosciamente che da questo blog ne sarebbe venuto fuori qualcosa di costruttivo...ora mi spiego perchè ho continuato a visionarlo malgrado tutto.
Grazie della tua considerazione.
E grazie dei consigli.
Io ci credo...grazie all'esperienza che la vita ha voluto regalarmi,e che sto vivendo.
Anche se a volte il rumore dei ricordi pesa,mi riporta all'assordante rumore della realtà.
La fragilità prevale sempre e sono solo parole quando consigliamo o ci diciamo "carpe diem",poi vorremmo trasferire tutto nel "per sempre".
E' stato un vero piacere comunicare con te.
Una serena giornata.

willie coyote ha detto...

potremo sempre comunicare sopratutto quando ci sentiremo sopraffatte daglii eventi della vita.
mi fa piacere se sono riuscita a farti vedere un po' di luce nel buio del mondo.
serena giornata anche a te.

Anonimo ha detto...

taz e' rock
il mondo e' lento

Diavoletto_Taz ha detto...

Oh... cmq bella stà cosa.
In tutta la monnezza probabile, almeno due persone hanno comunicato.
Minkia, sono meglio di Maria De Filippi.
Evvai.
Bazi bazi