4.4.06

Amorevole Bulimia


Metto le mani in tasca e ti penso ogni volta.
Sarai tu in ogni briciola?
Ti trovo nei miei cassetti che guardo fissi.
Sei la materia che sciaborda dai miei pensieri?
E scruto nell'armadio e ti ritrovo sospesa ad ogni stampella.
Sarai ogni abito che indosso?
E guardo il fondo del mio mio piatto lucido.
Sei quì. Su questo vetro fondo, nel mio stomaco che si accartoccia al tuo pensiero.
Maledetta fame. Mi ossessioni. Mi consumi.
Sparisci! ...Ma resta quì.
Ti sento che strappi.
Ti soddisfo, t'annullo disperato.
Gironzolo gonfio di materiale.
Ma affamato di te.

4 commenti:

Mario - In arte Marco ha detto...

Taz...Vienimi a trovare...E mandami anche qualcosa...voglio pubblicare qualche tua opera...Aprirò la categoria "Scarupatismo solo per te"!!! Ti Aspetto...Tivibbì

Anonimo ha detto...

Me sò sfrantummat a pont e stu spaccccimmm e sfollaggent, st'aizalenzol che teng miezz e coscie pur iss leggenn l'articul s'emmis famm.... però e purchiacc!!!

Ciao taz

Un amico della destra Pinetarum

Diavoletto_Taz ha detto...

Eh, amico di destra.
Il cefalo sguarramazzo è incontrollabile nei mesi dell'accoppiaggio.
Stamattina mi hai ispirato.
Evviva la ciricioccola!

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.