2.12.08

Una nera


Cammino sulo sulo
mmiezo a' via
a foglia a foglia
scoppio e ' malincunia.

Ma poò l'aria se frive
e a' capa mia se gira.

Nu piscione ca manche Ddio po' 'mmaginà
Ogne bianche e carna nera:
mammia!
Je a chesta m'a' vurria spusà.

A' guardo e arrizzo.
Essa guarda e' rire,
'nzò fa passà po' cazzo.

Po' me rice
"Che cappiello!
Anniente anniente me facite chistu dono?"

"Signurì ma vuje pazziate
pe na' zizza tosta
v'avessa dà o' cappielle
e ve ne jate?

Ata struscià ccà 'nterra
m'ata magnà e' ccervella.

m'avità allecca e' ppalle
adda murì a' luce e' stà lanterna."

"Ma che ve chiavate 'ncap?
Abbastasse nu cappiello!"

Me girai e sputaje 'nterra.
"O' campà,
ché cazz e' guerra."

2 commenti:

A' Jammona a Ciato ha detto...

Gli uomini pensano un po' troppo a se stessi.. Secondo il mio modesto parere di femmina dalla visione ristretta della vita.

Diavoletto_Taz ha detto...

In quanto femmina dalla visione ristretta della vita, la tua opinione non conta.

Parola di TaZ