4.4.08

Elezioni anticipate - Step 2

Non ci potevo pensare. Allora ho scritto al presidente della Repubblica che, come da deontologia presidenziale, si esimerà dal rispondere alla mia "missiva elettronica".
Invito tutti i precari a inviare la stessa lettera attraverso il modulo che trovate qui.

---
Egregio signor Presidente.

Mi tremano un po' le mani a scriverle. Sa, il contatto con la rappresentanza del potere democratico delegato.
Io ho 27 anni e sono stato costretto ad andare via dal sud (provincia di Caserta) per cercare nuove vie per la mia vita, per sfuggire alla violenza quotidiana fuori e dentro il "mondo del lavoro". Sono un ingegnere elettronico.
Le mie parole saranno uguali a quelle di mille altri che "osano" scriverle.

Prescindendo da qualsivoglia pregiudizio politico, io sono qui a farle leggere che guadagno 600 euro al mese. Che pago un affitto in nero perché in bianco non posso permettermelo. Che mi pagheranno giorno 20 aprile ed ho già finito i soldi.
Non ho giorni di ferie (lavoro precario).
Le condizioni sociali ed economiche in cui mi ritrovo non mi permetteranno di esprimere il mio voto di preferenza.
Le difficoltà economiche in cui lo stato mi ha indirettamente messo mi impediscono l'esercizio di ogni funzione democratica prevista.
Sono qui a chiederle nulla, se non ad invitarla a dirmi se è giusto tutto questo.

Ossequi
Ing. TaZ
Via Miss Pippolo, 29
cell: 3xx-xxxxxxx
email: xxxxx@xx.org.ia

4 commenti:

semprescomoda ha detto...

solo la solidarietá di un'altra non votante lontana.

mi lascerebbero votare qui per posta, se avessi la residenza o se lavorassi per lo stato italiano.
ma visto che no e no, mi faccio in culo...

Lucia Cirillo ha detto...

Tutta la mia solidarietà e mi rendo conto del problema che poni...però che bella scusa che hai per non votare...beato te. Un pò ti invidio ;-)

Marcello ha detto...

Il problema è proprio che lavori.

"Boswell: ci si annoia a starcene qui in ozio.
Johnson: ciò accade, signore, perché gli altri stanno lavorando, ci manca la compagnia.
Se tutti stessimo in ozio, nessuno si annoierebbe: ci divertiremmo tutti a vicenda."*

* James Boswell, Vita del dottor Johnson.

Diavoletto_Taz ha detto...

Sublime.